FRITTO MISTO ALLA PIEMONTESE il re della cucina piemontese

STORIA E CURIOSITA' SUL FRITTO MISTO ALLA PIEMONTESE:
Il fritto misto è forse il piatto più rappresentativo della cucina piemontese. Non si compone di ingredienti fissi, ma di una varietà di gusti e sapori che possono cambiare a seconda della satgione e delle preferenze.
Solo alcuni ingredienti sono considerati obbligatori per un buon fritto misto alla piemontese: i semolini, gli amaretti di Mombaruzzo ammorbiditi nel latte strizzati ed impanati, le animelle, la cervella, i filoni di fegato bianco e nero, salsiccia, crocchette di pollo e costollette d'agnello.

Anticamente sembra che il fritto misto fosse un piatto della tradizione popolare che si cucinava nel territorio piemontese quando venivano macellati gli animali nelle cascine, per sprecarne il meno possibile venivano cucinate le frattaglie.


INGREDIENTI:

CARNI:
- FILONE DI VITELLO
- ANIMELLA
- CERVELLA
- FEGATO DI VITELLO E DI MAIALE

- SALSICCIA
- COSTOLETTE DI AGNELLO
- CRESTE DI POLLO
- CROCCHETTE DI POLLO

VERDURE:
- FETTE DI MELANZANE
- FETTE DI ZUCCHINI
- FIORI DI ZUCCA

VARIE:
- FORMELLE DI SEMOLINO:  

190 GR semolino
1 litro di latte
zucchero
scorza di limone
                                               
                                                     
Portate ad ebollizione il latte con lo zucchero e la scorza di limone grattugiata e aggiungete a pioggia la semola amalgamandola con la frusta. Cuocete per cinque minuti, rovesciate in uno stampo e lasciate raffreddare per un giorno. 

- AMARETTI DI MOMBARUZZO
- CAPPELLE DI FUNGHI
- RANE
- OLIO DI OLIVA
- BURRO, FARINA, UOVA
- LATTE, PANGRATTATO , SALE

PROCEDIMENTO:

Tagliare tutte le carni e le verdure a piccoli pezzi, passarle prima nella farina poi nell'uovo sbattuto e quindi nel pangrattato. Friggere il tutto in una padella con abbondante olio e burro, tenendo presente i diversi tempi di cottura che richiedono gli ingredienti: il fritto misto alla piemontese cotto al punto giusto deve essere pronto tutto nello stesso momento.
Adagiare quanto si è preparato su uno o più piatti di portata caldissimi, salare e servire immediatamente.




Piemonte, Piedmont, Italy

13 commenti:

  1. e la mela, e la crema fritta???

    RispondiElimina
  2. anche il polmone, avevo dimenticato

    RispondiElimina
  3. e i pavesini???

    RispondiElimina
  4. nel monferrato in provincia di Asti una cuoca nata nel 1900, usava fare il fritto misto con salciccia polmone, fegato di vitello, cervella e filoni,fettina di vitello, animella,semolino,carote,salsa verde alla piamontese,amaretti secchi di Montechiaro.
    per me è la ricetta migliore.

    RispondiElimina
  5. COSI' LO FACEVANO MIA NONNA MIA MAMMA E MIA ZIA
    (MONFERRATO - DINTORNI DI MURISENGO) BUONISSIMO!!!

    RispondiElimina
  6. anche lanonna cuoca di villa san secondod'asti e la mamma la facevano cosi

    RispondiElimina
  7. Mancano anche i "Lamprè", pesciolini simili all'anguilla, sempre più rari.

    RispondiElimina
  8. Per i semolini dolci oltre a questi ingredienti va anche aggiunto un bicchierino di liquore PERSICO e RUM.La cottura poi e'di 1/2 ora . Luca Rivarossa (to)

    RispondiElimina
  9. ma la cervella è ancora in vendita?

    RispondiElimina
  10. si comprata venerdi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E i ciuffetti

      di cavolfiore impanati?

      Elimina
  11. Io sono napoletana e trovo che il fritto misto piemontese e una vera prelibatezza ...per gli ingredienti, be poi c e ne e meglio e? Dimenticavo vivo a pinrolo da 25 anni! Ciao

    RispondiElimina
  12. cume s disa n Piemunt, pi i ne butes pi l'è bun

    RispondiElimina

LASCIATE UN MESSAGGIO QUI SE VI PIACCIONO LE RICETTE O SE AVETE CONSIGLI GASTRONOMICI DA DARE