dp

AGNOLOTTI AI FUNGHI CON FONDUTA DI RASCHERA AL TARTUFO

Gli agnolotti ai funghi con fonduta di Raschera al tartufo è un ricetta con tanti profumi del Piemonte. Il Raschera è un formaggio delle montagne vicino a Cuneo che ben si sposa con il gusto dei funghi e il profumo del tartufo piemontese.





INGREDIENTI per 4 persone

- 200 g di farina di segale
- 200 g di funghi porcini puliti
- 2 uova e 2 tuorli
- 170 g di Raschera
- 2 dl di latte tiepido
- 200 g di farina di grano tenero
- 1 scalogno tritato
- 40 g di burro
- 10 g di crema ai tartufi piemontesi
- sale e pepe bianco in grani

PROCEDIMENTO

Privare il Raschera della crosta e tagliarlo a cubetti, lasciare il formaggio a mollo in 1 dl di latte tiepido per 1 ora circa.

Nel frattempo preparare la pasta, mescolare le farine, le uova, il sale e il latte rimasto, lavorare l'impasto per 15 minuti e lasciatelo riposare, per mezz'ora circa, coperto.

Preparare il ripieno. Soffriggere lo scalogno tritato in un tegame con 20 g di burro, poi unirvi i funghi affettati e cuocerli per 5 minuti; salare, pepare e lasciare raffreddare, quindi tritare il tutto.
Stendere la pasta in una sfoglia sottile e distribuire su metà di questa tanti mucchietti di ripieno a distanza di 5 cm l'uno dall'altro. Ripiegare la sfoglia, premendola per farla aderire e tagliare i ravioli a quadrati di 4 cm di lato circa con l'apposita rotella.

Preparate il condimento. Sciogliete il burro rimasto in un tegamino, uni­re il Raschera e il latte tiepido, alzare la fiamma e mescolare fino ad ottenere una crema omogenea. Unire i tuorli, uno alla volta, la crema di tartufi, poco pepe e lasciare addensare per qualche minuto.

Lessare gli agnolotti, scolarli al dente, condirli con la fonduta di Raschera, decorare con alcune fette di tartufo piemontese e servire.